fbpx

Scopri Quanto la SEO On-Page è Importante per il tuo sito Web!

Scopri Quanto la SEO On-Page è Importante per il tuo sito Web!

Quale è la tua strategia per Arrivare in Prima Pagina?

Chiedici come ottimizzare, migliorare e analizzare il tuo traffico web >

scritte per le persone, ottimizzate per i robot

 

Cosa è la SEO On-Page e come funziona?

L’ottimizzazione del posizionamento del sito web è, l’ingrediente per eccellenza che migliorerà la visibilità online, ovvero sarai trovato più facilmente.

Gli aspetti fondamentali che influenzano maggiormente il posizionamento del tuo sito Web, riassumendo, sono:

  1. I Contenuti
  2. l’Ottimizzazione del sito
  3. E le tecniche di Linkbuilding

La SEO On-Page include 1)i contenuti e 2) l’ottimizzazione del sito.

Andiamo a scomporre la SEO On-Page partendo dal suo significato.

A cosa serve la SEO On-Page?

Il SEO On-Page è l’insieme di ottimizzazioni e azioni che vengono effettuate all’interno del proprio sito per migliorare il suo posizionamento nei motori di ricerca e quindi aumentare il suo traffico organico.

A differenza del SEO Off-Page, questo è completamente controllato dal webmaster.

Se un sito web non è ottimizzato internamente, lavorare su una strategia di linkbuilding (SEO Off-Page) sarà molto meno efficace.

In qualche modo sprecheremo parte dell’autorità ricevuta da questi link.

 

Ottimizzazione: Fondamentale per l’e-Commerce!

Ottenere tutti i prodotti indicizzati e autorizzati sarà il compito principale del grande eCommerce con migliaia e migliaia di schede prodotto.

Google (e qualsiasi altro motore di ricerca) assegna un budget di ricerca alla tua pagina web.

È il cosiddetto crawl budget.

Dipenderà da:

  • L’autorità di dominio.
  • Freshness (frequenza con cui vengono pubblicati nuovi contenuti o apportate modifiche).
  • Ottimizzazione interna della pagina web.

La scansione e l’indicizzazione non sono uguali, ma vanno di pari passo.

Senza scansione, non è possibile effettuare l’indicizzazione.

In primo luogo, si scansiona un URL.

Questo viene analizzato dal robot e può essere indicizzato o meno.

Ci sono casi in cui un URL è scansionato ma non indicizzato. Ad esempio, un TAG non indicizzato o un contenuto di bassa qualità.

Immaginiamo che il crawl budget per la nostra pagina web sia di 20MB al giorno.

Se ogni scheda prodotto pesa 1MB, il robot scansionerà solo 20 prodotti al giorno.

Se carichiamo nell’eCommerce 30 nuovi prodotti al giorno, avremo un problema di scansione. Google non sarà in grado di eseguire la scansione (e quindi non sarà in grado di indicizzare) tutti i prodotti.

È qui che dobbiamo agire ed effettuare un’ottimizzazione On-Page in modo che il robot possa arrivare a scansionare tutti i nostri prodotti.

Vuoi un'analisi gratuita della SEO on-site del tuo spazio Web?

Contattaci per una Consulenza Gratuita >>

 

6+1 parametri fondamentali per fare decollare la tua SEO

Detto questo, ecco alcuni dei fattori che ritengo più rilevanti per ottimizzare correttamente il tuo eCommerce:

1) L’ Architettura di Dominio

Una buona architettura del sito permetterà ai robot di accedere correttamente a tutti i prodotti del sito.

Se un prodotto non riceve link (né interni né esterni) né appare nel sitemap.xml non può essere rintracciato.

Ecco perché è così importante che tutti i prodotti siano collegati a partire dalla nostra pagina web.

In un piccolo eCommerce questo può essere risolto facilmente collegando tutti i prodotti a partire dalla Homepage; ma funzionerà solo con un numero non troppo alto di prodotti.

In una pagina web con molti prodotti entra in ballo la categorizzazione del sito.

Quando si impostano le categorie, è necessario seguire il noto principio dei tré clic:

Per raggiungere un prodotto non si devono fare più di 3 clic a partire dalla Homepage. In altre parole, non più di 3 livelli di profondità.

In teoria è tutto facile, ma diventa difficile se l’eCommerce è molto grande. Pagine e sotto/sotto/categorie possono aumentare a dismisura il livello di profondità.

Categorizzare per bene il nostro e-Commerce renderà più facile essere trovati e scansionati dai motori di ricerca.

Preparare bene l’architettura web prima di realizzarla, aiuterà che le parole chiave vengano cannibalizzate.

2) Come Viene Scritto l’URL

L’URL di un prodotto o categoria deve indicare di cosa tratta il contenuto. Vengono chiamati URL amichevoli.

Aiuteranno sia gli utenti che i robot a comprendere meglio il contenuto che troveranno in quell’URL.

Gli URL che contengono numeri e lettere casuali non vanno bene.

La sintassi degli URL e la struttura della pagina web non devono per forza essere sempre uguali.

Un prodotto può essere legato a una sottocategoria, ma l’URL dipende direttamente dal dominio principale.

Con un esempio si vede meglio:

  • Immaginiamo il seguente prodotto all’interno di un negozio generico: Iphone X
  • Il prodotto rientra nella categoria tecnologia, che a sua volta rientra nella sottocategoria smartphone.
  • Ci può essere anche un altro livello di sottocategoria per marchio; in questo caso Apple.

Il prodotto è al livello di profondità 4 all’interno dell’architettura web, ma l’URL del prodotto potrebbe essere uno qualsiasi dei seguenti:

  • dominio.com/iphone-x
  • dominio.com/Apple/iphone-x
  • dominio.com/smartphones/apple/iphone-x
  • dominio.com/tecnología/smartphones/apple/iphone-x

Potremmo anche avere più variazioni giocando con le sottocategorie.

3) Titoli e Descrizioni

I tag titolo e descrizione giocano un ruolo chiave nel CTR di un URL.

Il CTR è una percentuale che riflette il numero di clic su un determinato risultato, rispetto al numero totale di impressioni che hai avuto.

Il CTR dipende in larga misura dalla posizione dell’URL nelle SERP. Circa l’80% dei clic (in media) sono presi tra i primi 3 risultati.

A sua volta, questo CTR influenza la posizione che occupa quell’URL.

Se un risultato della SERP non è attraente o non risolve l’intento di ricerca dell’utente, non importa quanto in alto quell’URL sia posizionato, non riceverà clic.

Se non si ricevono clic (e gli altri URL lo fanno), Google capisce che questo risultato non è così rilevante per quella ricerca e diminuisce la sua posizione. Si tratta di ricalcolo continuo in il motore di ricerca valuta costantemente la qualità dei risultati.

Il CTR influenza principalmente i risultati mostrati nella prima pagina, che è il luogo in cui vengono prodotte la maggior parte delle impressioni.

Il primo passo per avere un buon CTR è quello che risolva l’intento della ricerca.

Se per la ricerca: “Scaricare antivirus” vengono mostrati questi due risultati… su quale pensi che faranno clic più volte?

È molto più probabile che un utente visiti il secondo link piuttosto che il primo perché:

  • Risolve meglio lo scopo della ricerca
  • Incorpora elementi visivi che spiccano (valutazioni ed emoticon).
  • Ha un copy migliore
  • L’URL è descrittivo

4) Collegamenti Interni

Insieme all’architettura web, il collegamento interno gioca un ruolo chiave nel facilitare la scansione di tutte le schede prodotto e di tutte le categorie in un eCommerce.

Quanto più i collegamenti interni ricevono un URL, maggiore sarà l’autorità dell’URL.

È quindi fondamentale sapere quali sono i prodotti e/o le categorie di prodotti che ti interessa maggiormente posizionare, sia per:

  • Quantità di ricerche.
  • Margine di Vendita.
  • MigliorPrezzo Concorrenziale.
  • Interessi commerciali.

Una volta individuati i principali URL, dovremo elaborare una buona strategia di collegamento tra le pagine.

I link più facili da creare sono quelli che partono da un articolo del blog che parla proprio di quel prodotto o categoria.

Nel blog avremo un articolo informativo, che sarà collegato alla parte di vendita (eCommerce).

Per esempio: All’interno del blog abbiamo “Suggerimenti per la scelta di uno smartphone” e da esso ci colleghiamo alla categoria “Smartphone” con il testo di ancoraggio “comprare smartphone”.

Il collegamento interno permette di essere più aggressivi con l’uso di un testo di ancoraggio esatto se lo confrontiamo con il linkbuilding. Tuttavia, la cosa più intelligente è collegare parole dal significato simile, parole a ‘coda lunga’ e sinonimi.

Proseguendo con l’esempio precedente potremmo usare il seguente testo di ancoraggio per collegarci alla stessa categoria:

  • Migliori telefoni smartphone
  • Smartphone economici
  • Telefoni Rigenerati
  • Scoprire tutti i nostri modelli di cellulari intelligenti
  • Più cellulari…

5) La Gerarchia delle Intestazioni

I tag delle intestazioni (headings) vengono utilizzati per distinguere tra sezioni e sottosezioni all’interno di una pagina web. Si va dall’H1 all’H6.

  • L’H1 corrisponde al titolo di quella pagina.
  • L’H2 funge da sottotitolo.
  • L’H3 funge da sottotitolo, sotto l’H2.
  • Ecc ecc

Le intestazioni devono seguire una gerarchia, in modo che un H3 non può esistere se non dipende da un H2 (almeno teoricamente).

I più utilizzati per il SEO sono H1, H2 e H3. L’H4 è usato raramente e l’H5 o H6 ancora meno.

All’interno di un sito Web ma in particolare di un eCommerce dobbiamo utilizzare queste intestazioni per incorporare parole chiave correlate, poiché è uno degli elementi On-Page più importanti all’interno del contenuto.

Prendiamo come esempio la Homepage di un negozio di tecnologia per vedere l’uso di queste intestazioni.

  • H1: Negozio di tecnologia online XX
  • H2: Smartphone
  • H3: Prodotti all’interno degli smartphone
  • H2: Televisori
  • H3: Prodotti all’interno dei televisori

È anche abituale vedere le voci di menu contrassegnate come H2 o H3, quindi è probabile che appaiano come risultati arricchiti per le ricerche sui marchi.

Sotto le sezioni dei prodotti, è normale aggiungere più intestazioni per associare più contenuti al fine di inserire più contenuti testuali.

Per esempio:

  • H2: Acquistare prodotti tecnologici online
  • H2: Negozio di tecnologia con spedizione in 24 ore

Le intestazioni sono il luogo giusto per inserire le parole chiave che vogliamo posizionare, insieme a sinonimi e relative parole chiave.

Attenzione a non ripetere in modo eccessivo le parole chiave. Le intestazioni devono essere scritte per le persone, cercando comunque di ottimizzarle per i robot.

6) La Velocità di Caricamento

La velocità di caricamento non è importante solo per la conversione di un sito web, ma anche e sopratutto per il buon posizionamento nei motori di ricerca.

Con l’aggiunta del mobile-first indexing è ancora più rilevante. Questo comporta che Google prenda in considerazione la versione mostrata sul dispositivo mobile per assegnare i ranking di un sito web.

Se la tua versione di computer è veloce, ma la versione del tuo dispositivo mobile è troppo lenta, i tuoi ranking saranno compromessi.

All’interno di un eCommerce, la dimensione delle immagini gioca un ruolo importante per i tempi di caricamento.

Prima di caricare un’immagine sul server dobbiamo tenere conto di due aspetti:

  • Dimensioni dell’immagine visualizzata
  • Peso dell’immagine

Se un’immagine viene visualizzata con una risoluzione 800*400, ma sta caricando una versione 1.600*800, stiamo sbagliando tutto e rendendo il sito più lento e pesante. Non importa quanto sia ottimizzato un sito web, se le sue immagini pesano troppi byte, continuerà a rimanere lento.

7) Il Contenuto Semantico

Attualmente il modo giusto di organizzare i testi passa attraverso i contenuti semantici.

In passato con Google poteva andare bene ripetere la parola chiave più e più volte.

Con l l’evoluzione degli algoritmi di BigG, oggi si è iniziato a parlare  di “densità” delle parole chiave. Cioè, il numero di volte che una parola chiave viene ripetuta all’interno di un contenuto. Si è affermato che dovrebbe avere una densità del 2-3% a seconda del settore.

Oggi, il concetto si è evoluto, e invece di parlare di densità, si discute di contenuto semantico.

Ciò consiste  nell’utilizzare sinonimi, variazioni di key e parole chiave simili e correlate. Gli algoritmi dei motori di ricerca riescono di associare i termini e stabilire la relazione tra loro.

Ad esempio l’intelligenza artificiale di Google, osservando un blog sul mondo dei motori, si aspetta che parliamo di carburanti, marchi di auto e moto….. ecc… ecc…

Facendo riferimento a queste parole nel nostro contenuto, rafforziamo la “densità semantica” della pagina web.

 

In Conclusione

Una strategia SEO On-page ottimale per migliorare il posizionamento del tuo sito web o del tuo negozio on line può sembrare semplice, ma intervengono variabili che spesso sono complicate per eseguire determinate azioni.

Qui entra in gioco la capacità di ogni Consulente SEO nel delineare una strategia che aiuti sia ad aumentare le visite organiche che le conversioni.

 

Ti chiedi come utilizzare al meglio il web per la tua attività?

Contattaci per una Consulenza Gratuita >>

Scopri i servizi offerti da Peva Creative con investimenti pubblicitari mirati per aumentare il tuo fatturato

Chiedi maggiori informazioni QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Abbiamo inserito cookie sul tuo computer per contribuire a migliorare questo sito web. Leggi la nostra cookies policy
SI, Accetto i cookies